Articolo

Autore/i: Goran Dušej, Andreas Rotach, Nicola Patocchi, Emmanuel Wermeille
Redazione: WSL, Svizzera
Commenti: Articolo a 0 commenti
Valutazione: Ai miei Preferiti Anteprima di stampa 00000

Farfalle diurne dei boschi

A torto le belle farfalle non sono abitualmente associate ai boschi. In realtà gli habitat che si trovano all’interno e ai margini dei boschi sono ambienti indispensabili per diverse farfalle diurne, tra le più spettacolari della fauna Svizzera. Purtroppo diverse di esse rischiano oggi l’estinzione.

Grosser Schillerfalter (Apatura iris)
Fig. 1 - Il maschio dell’Iride (Apatura iris) con le sue brillanti sfumature viola-porpora sulla parte superiore delle ali. I colori iridescenti sono dovuti alla particolare microstruttura delle squame delle ali. Queste lamine agiscono come innumerevoli piccoli prismi, che cambiano colore a seconda dell’angolo di incidenza dei raggi luminosi.
Foto: Goran Dušej
 
Kleiner Schillerfalter (Apatura ilia)
Fig. 2 - L’Ilia (Apatura ilia) è presente in Svizzera in due varianti cromatiche. La forma clytie presenta una colorazione con riflessi rossastri.
Foto: Gilles Carron
 

Circa 30 specie di farfalle autoctone dipendono dall’habitat "bosco" e possono quindi essere chiamate "farfalle diurne dei boschi". Naturalmente non esistono limiti netti tra le farfalle diurne del bosco e quelle che, oltre a vivere nei loro habitat tradizionali in spazi aperti, volano volentieri anche nelle radure o nelle zone ai margini del bosco. Per praticità è tuttavia utile denominare farfalle diurne dei boschi quelle che in almeno uno stadio del loro ciclo vitale (uovo, bruco, pupa o adulto) sono obbligatoriamente o in grande misura legate al bosco.

Di questo gruppo fanno parte alcune delle farfalle diurne più belle, ma anche specie più misteriose. Alcune di esse trascorrono la maggior parte della loro vita all’altezza delle chiome di arbusti e alberi, ben nascoste dallo sguardo dell’uomo. Di tanto in tanto questi splendidi esseri scendono a terra e si lasciano osservare mentre si nutrono o prendono il sole. Simili incontri rimangono bene impressi nella memoria, visto che capitano di rado e sono di grande effetto.

Apature, Silvani e altre farfalle

L’Iride (Apatura iris, Fig. 1) è molto diffusa in Svizzera, anche se le sue popolazioni non sono mai numerose. La sua quasi omonima, Ilia (Apatura ilia, Fig. 2), si trova invece ad altitudini più basse, soprattutto nelle vicinanze dei corsi d’acqua, ad es. nei boschi di golena. Nonostante sia generalmente più piccola di una farfalla Iride, a volte può raggiungere le sue stesse dimensioni.

L’Ammiraglio del Pioppo o grande Silvano (Limenitis populi, Fig. 3) può essere considerata la regina tra le farfalle del bosco, perché dal punto di vista delle dimensioni, della bellezza e della rarità non è seconda a nessuna. Sembra che scenda a terra ancora più raramente rispetto alle farfalle del genere apatura: per osservarla ci vuole quindi molta fortuna o abilità. La sua sorella minore, il piccolo Silvano o Camilla (Limenitis camilla, Fig. 4), è invece assai diffusa e nettamente più frequente, tanto che la si può osservare con maggiore facilità. Contrariamente alle specie già citate, essa è una assidua visitatrice dei fiori, sebbene ami abbeverarsi e nutrirsi anche lungo le umide strade forestali o ai margini delle pozzanghere.

     
Grosser Eisvogel (Limenitis populi) Kleiner Eisvogel (Lmenitis camilla)  
Fig. 3 - L’Ammiraglio del Pioppo (Limenitis populi) appartiene alle farfalle diurne più grandi. I maschi (nell’immagine) sono più numerosi rispetto alle femmine, che scendono a terra solo molto raramente.
Foto:
Goran Dušej
Fig. 4 - La Camilla (Limenitis camilla) è molto più piccola dell’Ammiraglio del Pioppo. In questa specie è assente la striscia di macchie arancioni. Alcuni esemplari presentano tuttavia sulla parte superiore dell’ala posteriore una piccola macchia arancione. Maschi e femmine sono molto simili tra di loro.
Foto:
Goran Dušej
 
     

Le Apature e i Silvani ricavano il loro nutrimento da escrementi, cadaveri o linfa degli alberi. Di conseguenza queste specie si lasciamo anche facilmente attirare, ad es. da formaggi che emanano forti odori. L’Aliante ungherese (Neptis rivularis), che in Svizzera si trova solo in Ticino, se osservata senza la dovuta attenzione, può essere scambiata con la Camilla. Vive volentieri vicino a ruscelli o corsi d’acqua e si trova spesso nelle gole boschive soleggiate.

Altre farfalle diurne del bosco come ad es. la Vanessa dallo scialle (Nymphalis antiopa, Fig. 5) o la Vanessa multicolore (Nymphalis polychloros, Fig. 6) sono ancora presenti in buon numero a livello regionale, anche se le popolazioni possono variare notevolmente di anno in anno. Entrambe le specie vivono anche al di fuori del bosco, ad es. nei frutteti o nei parchi diversificati. In estate inoltrata si nutrono spesso dalla frutta caduta a terra, anche se non disdegnano il nettare dei fiori. Entrambe le specie svernano come farfalle adulte e sono tra i primi lepidotteri a comparire in primavera.

     
Trauermantel (Nymphalis antiopa) Grosser Fuchs (Nymphalis polychloros)  
Fig. 5La Vanessa dallo scialle (Nymphalis antiopa) non può essere confusa con nessun’altra specie. Le strisce gialle marginali sono così brillanti solo negli esemplari allo stadio prima dello svernamento. Durante l’ibernazione sbiadiscono, cosicché gli esemplari che ricompaiono in primavera presentano bordi di colore giallo pallido o bianco.
Foto:
Goran Dušej
Fig. 6 - La Vanessa multicolore (Nymphalis polychloros) si differenzia dalla Vanessa dell’ortica (Aglais urticae) per la macchia nera supplementare presente sulla parte superiore dell’ala anteriore. Questa specie si riconosce facilmente anche per la sua colorazione dominante arancio- bruno chiaro. A confronto, la Vanessa dell’ortica è più rossiccia.
Foto: Goran Dušej

 
     

Il Satiro dell’acacia (Satyrium acaciae), la Tecla della quercia (Neozephyrus quercus) e il Satiro del Leccio (Satyrium ilicis) sono specie che possono essere individuate solo con molta esperienza sulle cime delle querce. Sebbene la prima sia molto diffusa in Svizzera e sia presente ai margini di numerosi querceti, ci vuole un po’ di pazienza per localizzarla. Questa piccola farfalla dalle ali lunghe circa 1,5 cm si sofferma infatti, spesso per minuti interi, sulle foglie di quercia, per poi volare via e cercare un nuovo posto. La sua parte inferiore argentata brillante rivela però la sua presenza da lontano. Altrettanto difficile da osservare è il Satiro del Leccio, che è peraltro molto meno diffuso del suo cugino dell’acacia, che presenza una livrea blu.

Tra le farfalle dei boschi, negli ultimi tempi ha guadagnato popolarità soprattutto la Baccante (Lopinga achine, Fig. 7). Questa farfalla marrone, caratterizzata da vistosi anelli, è una tipica abitante dei boschi radi e dei margini del bosco. In tutta Europa, la specie rientra tra quelle a rischio di estinzione (categoria di minaccia IUCN: "vulnerable", cioè vulnerabile). Con l’aiuto di misure relativamente semplici, come ad es. un diradamento leggero, è possibile creare habitat idonei. Di queste misure potrebbero beneficiare non solo la Baccante, ma anche altre specie animali e vegetali che hanno bisogno di luce.

Per ultima, ma non per questo meno importante, citiamo anche la farfalla diurna del bosco più diffusa: l’Egeria (Pararge aegeria, Fig. 8). Questa specie non manca in nessun comprensorio boschivo di grandi dimensioni. La sua grande diffusione è dovuta soprattutto al fatto che ogni anno è in grado di dare vita a diverse generazioni e che i suoi bruchi non sono molto esigenti per quanto riguarda il nutrimento, cibandosi di diverse erbe.

     
Gelbringfalter (Lopinga achine) Waldbrettspiel (Pararge aegeria)  
Fig. 7 - La Baccante (Lopinga achine) si riconosce facilmente per il suo caratteristico disegno ocellato.
Foto: Goran Dušej
Fig. 8 - La maculatura a scacchiera e la colorazione chiaro-scura tipiche dell’Egeria (Pararge aegeria).
Foto: Thomas Reich (WSL)
 
     
Kaisermantel (Argynnis paphia)
Fig. 9 - La Pafia (Argynnis paphia) si riconosce facilmente per la caratteristica maculatura presente sul lato superiore. Sulle ali anteriori del maschio (nell’immagine), si trovano quattro fasce di squame che secernono ferormoni (squame androconiali o androconi) ben visibili lungo le venature inferiori.
Foto: Goran Dušej

Oltre a quelle già citate, nel bosco vivono anche molte specie che prediligono – analogamente alle "specie da spazi aperti"– soprattutto le zone boschive che presentano uno strato erbaceo ben pronunciato e ricco di fiori, come ad es. i margini del bosco, le radure e i tagli rasi. La Pafia o Tabacco di Spagna (Argynnis paphia, Fig. 9) o la Boloria euphrosyne appartengono proprio a questo gruppo di specie. Più sono spoglie e intensive le colture agricole che circondano il bosco, più aumenta l’importanza degli habitat boschivi anche per i restanti lepidotteri. Senza un orlo erbaceo situato ai margini del bosco, alcune delle specie sarebbero molto più rare, come ad es. nel caso dell’Aurora (Anthocharis cardamines) o della Araschnia levena.

A ogni bruco la sua casa

Per goderci la bellezza delle farfalle, non dobbiamo trascurare i bruchi e i loro habitat. Infatti, spesso a decidere se una specie è presente o meno in una regione non è solo il tipo di habitat delle farfalle adulte, ma soprattutto l’habitat intatto che accoglie i bruchi. Alcune specie sono molto esigenti da questo punto di vista: affinché la femmina possa deporvi le sue uova, la pianta di cui si nutrono i bruchi deve essere presente nella giusta quantità, nel giusto stadio di crescita e nel giusto luogo. La maggior parte delle specie privilegia infatti, quale fonte di nutrimento, solo una o poche piante alimentari (Fig. 12).

Die Salweide ist für einige Waldtagfalter eine sehr wichtige Pflanze
Fig. 10 - Il Salice caprino (Salix caprea) è una pianta molto importante per alcune farfalle diurne del bosco, sia come fornitrice di nettare in primavera, sia come pianta alimentare per il bruco.
Foto: Goran Dušej

In base ai requisiti dei bruchi, le farfalle diurne dei boschi possono essere suddivise approssimativamente in due gruppi: le farfalle con bruchi che vivono sugli alberi, i cui bruchi si nutrono delle foglie di arbusti e alberi, e le farfalle con bruchi che vivono nell’erba, i cui bruchi vivono nello strato di erbe o cespugli.

La cosa che colpisce di più nel primo gruppo, è che la maggior parte di questi lepidotteri dipende soprattutto dalle specie eliofile come il Pioppo tremolo, il Salice caprino o la betulla. Per l’Iride è ad es. importante che il Salice caprino (Salix caprea, Fig. 10) cresca in un luogo sufficientemente umido, affinché le femmine lo scelgano per deporre le loro uova, mentre i salici isolati o ben soleggiati non vengono neppure presi in considerazione o solo raramente. Vengono dunque privilegiati quelli situati negli avvallamenti del terreno o nei luoghi semiombreggiati situati ai margini del bosco. L’Ammiraglio del Pioppo sembra prediligere particolarmente i gruppi di Pioppi tremoli situati in posizione dominante ai margini del bosco (Fig. 11). Anche in questo caso gioca un ruolo fondamentale l’orientamento del margine del bosco.

   
Am Waldrand stehende Gruppe von Espen  
Fig. 11 - Per molte farfalle diurne del bosco i cui bruchi vivono su arbusti o piante è importante che le piante alimentari siano presenti in una determinata quantità/dominanza, come qui con il Pioppo tremolo (Populus tremula).
Foto: Goran Dušej
 
   
Piante alimentari di cui si nutrono i bruchi di alcune farfalle diurne dei boschi
Fig. 12 - Piante alimentari di cui si nutrono i bruchi di alcune farfalle diurne dei boschi. Cliccare sull’immagine per ingrandirla.
 

La presenza di molte specie di farfalle diurne dei boschi può essere accertata solo con difficoltà. Per alcune specie la loro presenza è più facile da comprovare se si cercano gli stadi di sviluppo intermedi, ad es. le uova o i bruchi. I giovani bruchi delle farfalle apatura e limenitis lasciano dietro di sé delle caratteristiche tracce di alimentazione. L’Ammiraglio del Pioppo e la Camilla svernano inoltre in una sorta di "sacco a pelo invernale" molto sofisticato, il cosiddetto hibernarium. I bruchi della Vanessa multicolore e della Vanessa dallo scialle vivono addirittura in collettivi, nei loro "nidi", lasciando foglie brucate che sono visibili anche da lontano (Fig. 13). Altre specie possono essere localizzate grazie alle uova depositate, come ad es. il Satiro dell’acacia, la Tecla della quercia e il Satiro del Leccio.

   
Nachweis durch die Raupen  
Fig. 13 - Anche se è difficile documentare la presenza di alcune farfalle adulte, i loro bruchi rivelano la loro presenza perché dove brucano lasciano evidenti tracce. In alto a sinistra: nido di bruco della Vanessa multicolore su un Salice caprino con foglie brucate. In alto a destra: giovane bruco dell’Ammiraglio del Pioppo visibile sulla nervatura centrale rimasta dopo aver brucato una foglia di Pioppo tremolo (sul cui margine si notano gli escrementi). In basso: l’Iride sverna come giovane bruco sul ramo di un Salice caprino. Il bruco è resistente alle basse temperature e talvolta viene ricoperto da ghiaccio, neve o brina.
Foto: Goran Dušej

 
   

Le bellezze sono diventate piuttosto rare

Come emerge dai rilievi e dalle raccolte di farfalle, nel secolo scorso molte specie di farfalle diurne dei boschi erano più frequenti rispetto a oggi. Tra le altre cose, ciò dovrebbe essere riconducibile al fatto che prima dell’entrata in vigore dell’allora nuova legge forestale, la struttura e la composizione dei boschi in ampie parti della Svizzera era assai diversa rispetto a quella attuale.

Nella sua meticolosa opera "Waldpolitik und Forstwirtschaft im Kanton Aargau", Erwin Wullschleger descrive ad es. lo stato dei boschi nella seconda metà del XVIII secolo con queste parole: "Nei cedui composti [ndt.: una forma di governo tipica della Svizzera centrale dove sotto uno strato di alto fusto venivano coltivati dei boschi a ceduo] erano sempre più rare i rilasci o riserve [ndt: alberi maestosi, spesso querce, che facevano parte dello strato superiore del bosco], a scadenze di 12/15 anni i polloni venivano tagliati a raso; diversi di questi boschi degradavano fino a diventare semplici boschi cedui. Mancavano i popolamenti giovani e vaste superfici erano diventate radure. Le specie a legno molle (Pioppo tremolo, Pioppo nero e salici) e i cespuglieti spinosi presero il sopravvento."

Senza voler tornare ai "bei vecchi tempi" con tutti gli svantaggi di allora, è tuttavia un dato di fatto che in molti luoghi, le specie eliofile continuano a essere considerate concorrenti dannose e quindi combattute come "specie legnose problematiche" (Fig. 14). Inoltre, l’attuale struttura dei margini del bosco lascia spesso a desiderare, essendo i soprassuoli piuttosto monotoni e mancando gli elementi strutturanti del mantello arbustivo e degli orli erbacei.

   
Nach wie vor werden vielerorts Lichtbaumarten rigoros abgeholzt  
Abb. 14 - In molti siti forestali le specie arboree eliofile continuano a essere regolarmente tagliate, perché considerate concorrenti a rapido accrescimento rispetto alle specie auspicate. Nel caso documentato, in una zona in passato devastata da una tempesta, tutti i Salici caprini sono stati tagliati al piede su tutta la superficie.
Foto: Goran Dušej

 
   

Basta poco per far prosperare le farfalle diurne del bosco

Nel bosco, il potenziale di rivalutazione a favore delle farfalle diurne è enorme. Con un impegno relativamente contenuto sarebbe possibile fare molto. In primo luogo occorre promuovere gli habitat favorevoli ai bruchi. Da questo punto di vista è necessario tutelare i loro habitat conosciuti e rivalutare quelli potenziali, collegandoli a quelli esistenti. Dal momento che le esigenze variano notevolmente da specie a specie, conviene ricorrere all’aiuto di uno specialista. Molti lepidotteri traggono beneficio dall’incremento delle relative specie arboree eliofile situate nei luoghi idonei. Per alcuni lepidotteri sembra inoltre importante non solo la presenza di singoli alberi o arbusti, ma di interi gruppi che presentano diverse classi di età.

Le farfalle diurne del bosco i cui bruchi vivono nello strato erbaceo vanno incentivate adottando altri provvedimenti mirati. Ciò può avvenire ad es. tramite il diradamento del bosco o la creazione di ampi orli erbacei, che poi dovranno essere curati periodicamente per evitare un incespugliamento eccessivo. Di norma la cura avviene attraverso lo sfalcio. Ma a seconda del periodo in cui viene effettuato, lo sfalcio può essere un problema per molte specie. Si consiglia quindi di non falciare tutto in un’unica volta e di lasciare incolta durante tutto l’inverno una parte del terreno, in luoghi sempre diversi negli anni. Questo è molto importante non solo per le farfalle diurne del bosco, ma anche per numerose altre specie animali e vegetali.


  • Traduzione: Fulvio Giudici, Sant’Antonino; revisione: Nicola Patocchi

Download

Informazioni

  • Goran Dušej
    Käsereistrasse 18
    CH-8919 Rottenschwil
    Tel. +41 (0)56 634 32 16
  • goran.dusej (at) bluewin.ch

Link esterno

Altri contributi sul tema in waldwissen.net