Articolo

Autore/i: Pro Natura Berna (autori esterni)
Redazione: WSL, Svizzera
Commenti: Articolo a 0 commenti
Valutazione: Ai miei Preferiti Anteprima di stampa 100.0100.0100.0100.0100.0 (1)

Più biodiversità a basso costo lungo i margini delle strade forestali

I margini delle strade forestali rappresentano per molte orchidee, lucertole, farfalle e altre specie animali e vegetali un prezioso habitat, soprattutto nell’Altipiano svizzero, dove gli habitat magri al di fuori del bosco sono diventati sempre più rari. Una manutenzione moderata svolta al momento giusto consente di risparmiare tempo, è apprezzata da chi passeggia nei boschi e favorisce la biodiversità.

Waldstrassenrand
Fig. 1 - Grazie alla presenza della luce, alla scarsità di nutrienti e alle condizioni basiche, i margini delle strade forestali rappresentano un alto potenziale per la diversità delle specie vegetali.

Foto: J. Ryser

Da nessun’altra parte le api ronzano più forte, le orchidee o le campanule fioriscono con più splendore o le lucertole frusciano così frequentemente nell’erba come lungo i margini soleggiati di una strada forestale.

Solo la falciatrice mette prematuramente fine alla vivace animazione presente in questi luoghi. Cavallette schiacciate, coleotteri morti e fiori falciati sono troppo spesso gli infelici testimoni di una manutenzione mal pianificata.

I margini delle strade forestali offrono un habitat più ricco

A prescindere dal limite del bosco, il punto di passaggio dalla strada di ghiaia al soprassuolo è sicuramente la zona in cui è presente la più ricca diversità di specie di tutto il bosco. I margini delle strade forestali sono terreni magri, chiari e calcarei che offrono – tra le altre cose – un habitat sostitutivo a molte specie che sono scomparse dalle aree agricole. Nell’Altipiano bernese l’80% di tutti i siti di orchidee rimasti si trova infatti lungo le strade forestali.

La banchina stradale è un habitat pionieristico, equiparabile a una ganda o una cava di ghiaia. Quando viene costruita una strada, dalla zona della scarpata viene rimosso il terriccio ricco di nutrienti. Dal momento che le strade rappresentano vere e proprie strisce di luce nel soprassuolo, molti abitanti dei prati magri – diventati sempre più rari – trovano qui un nuovo habitat. Il pietrisco scagliato dalle ruote delle auto rende il suolo più calcareo. Dove il suolo è acido, come in molte regioni dell’Altipiano bernese, queste strisce marginali sono come isole basiche in un mare di suoli acidi. Le specie vegetali che amano il calcare, tra cui la maggior parte delle orchidee, crescono solo su questi terreni.

       
Waldeidechse beim Sonnenbad   Aurorafalter  
Lucertola vivipara

Questa lucertola, come rivela il nome, è vivipara – cioè non depone le uova come la maggior parte degli altri rettili e quindi ha bisogno di meno calore per lo sviluppo della covata. La lucertola vivipara può quindi popolare anche le quote più alte dell’arco alpino. Nel bosco predilige le radure e i margini soleggiati delle strade. Se però, durante i lavori di falciatura, non riesce a fuggire in tempo, non ha scampo.

  Farfalla aurora

Questa attraente farfalla diurna può essere osservata già agli inizi della primavera, soprattutto ai margini dei boschi, nelle radure e lungo le strade forestali. Durante tutto l’anno, l’esistenza della farfalla aurora e delle sue larve dipende dalle piante foraggere come ad es. l’alliaria. Una falciatura precoce causa lo schiacciamento delle larve e distrugge la fonte nutritiva della farfalla. Le crisalidi possono svernare solo se l’erba vecchia non viene rimossa.

 
       
Nesselblättrige Glockenblume mit Bestäuber   Fuchs' Knabenkraut  
Campanula selvatica

Da luglio ad agosto, lungo le luminose strade forestali si trovano le delicate campanule blu-viola di questa imponente pianta che può raggiungere il metro di altezza. Mentre nelle regioni aperte e sgomberate le api possono morire di fame perché non trovano cibo a sufficienza, i margini fioriti delle strade rappresentano per loro una fonte nutritivapermanente , a condizione che vengano falciati solo in autunno. La falciatura tardiva permette inoltre ai fiori perenni di creare le riserve per l’anno successivo ed evitare di rimanere senza sostanze nutritive.

  Concordia

Nel mese di giugno, le infiorescenze con colorazione dal lilla al viola di questa orchidea fioriscono nella penombra. Nella regione agricola dell’Altipiano non è praticamente più presente. Il suo principale habitat sostitutivo è rappresentato oggi dalle scarpate umide lungo le strade forestali. A settembre, quando le sue capsule si aprono, i semi vengono dispersi dal vento. Ciò tuttavia può avvenire solo se la falciatura avviene in autunno inoltrato.

 
       
Foto: Pro Natura Berna
     
       

Tenere conto della biodiversità quando si pianificano i lavori di manutenzione

Mahd
Fig. 6  - La manutenzione dei margini delle strade forestali avviene ancora troppo spesso senza tenere conto delle ricche comunità biotiche, falciando il soprassuolo nel bel mezzo della fioritura.

Foto: E. Grütter

Quando i margini delle strade vengono falciati già a maggio o giugno, cioè al culmine del periodo della fioritura, si decreta la fine improvvisa di tutta la flora estiva. Le piante non sono in grado di produrre i semi e le specie plurienni non riescono a raccogliere le sostanze nutritive nei loro organi di accumulo. Molti animali perdono di punto in bianco la loro fonte nutritiva, se non addirittura la vita.

Quindi:

  • Meglio falciare (o pacciamare) a partire da ottobre e lasciare sul posto almeno il 10% di "erba vecchia"
  • Se è indispensabile falciare in estate, meglio falciare che pacciamare, perché è un metodo più riguardoso dei piccoli animali
  • Non rimuovere gli arbusti di valore
  • Lasciare al loro posto i mucchi di pietre, le ceppaie e la ramaglia, dove possibile creare nuove strutture
  • Regolare l’altezza di taglio a 10 cm per salvaguardare la fauna
  • Lottare in modo mirato contro le specie neofite invasive, prima del rilascio dei loro semi.

Una manutenzione rispettosa dell’ambiente costa meno

La manutenzione dei margini delle strade in autunno consente spesso di risparmiare una falciatura. In molti luoghi è sufficiente falciare una volta ogni due anni, senza pregiudicare la visibilità e quindi la sicurezza. La cosa migliore da fare è falciare le superfici in modo alternato: una volta qui, l’altra là.

La parola d’ordine quindi è: solo quanto effettivamente necessario, ovvero meno di quanto si pensi. Ai margini delle strade forestali diventa così possibile risparmiare sulla manutenzione e favorire nello stesso tempo lo sviluppo della biodiversità.

E, fatto importante per i proprietari dei boschi, i margini delle strade forestali ricchi di fiori offrono alla fauna un’ambita fonte nutritiva e riducono i danni da morsicatura dei caprioli sugli alberi giovani.

Download

Informazioni

  • Pro Natura Berna
    Schwarzenburgstr. 11
    3007 Bern
    Tel. 031 352 66 00
    E-Mail: pronatura-be @ pronatura.ch

Altri contributi sul tema in waldwissen.net