Articolo

Autore/i: Romano Costa (Abenis AG / Ufficio foreste e pericoli naturali dei Grigioni)
Redazione: WSL, Svizzera
Commenti: Articolo a 0 commenti
Valutazione: Ai miei Preferiti Anteprima di stampa 60.060.060.060.060.0 (10)

I margini boschivi – habitat ricchi di sorprese

Il senso di ordine insito negli esseri umani ha portato a una situazione in cui i confini tra i boschi e i terreni coltivati ​​sono sempre più repentini. Il margine del bosco, però, è molto più di un semplice limite. Un margine boschivo strutturato e riccamente stratificato quale conseguenza di condizioni di luce e di calore variabili, offre degli habitat adatti per molte specie vegetali e animali. Il Servizio Forestale del Cantone dei Grigioni ha pubblicato un opuscolo sull' argomento.

Fein strukturierter Waldrand im Aufbau
Valorizzazione di muretti realizzati a secco che formano una componente di un margine boschivo strutturato.
Foto: Romano Costa
Nach Höhe ideal strukturierter Waldrand
Un margine boschivo ideale o ottimale è ricco di specie e non ha una struttura fissa.

I margini boschivi hanno la caratteristica comune che un bosco si trova a confinare con terreni agricoli, corsi o specchi d'acqua, prati, pascoli, pendii scoscesi, strade e binari ferroviari. Ciononostante ognuno è diverso dall'altro e in ogni margine boschivo, la forma, la struttura, la profondità, la lunghezza e la diversità delle specie possono variano anche su piccole aree.

  • Le erbe, le carici, i giunchi e i fiori di campo formano un orlo erbaceo utilizzato estensivamente e che non richiede l'uso di fertilizzanti. Diverse strutture di piccole dimensioni come mucchi di pietre o rami, cespugli di rovi, aree prive di vegetazione, ecc. sono presenti a contatto con il margine arbustivo.
  • Gli alberi giovani e gli arbusti caratterizzano la fascia arbustiva, che diviene così una fascia di transizione progressiva e flebile tra l'orlo erbaceo e il manto forestale.
  • Il manto forestale è costituito da alberi situati sul margine esterno del soprassuolo boschivo, comprendente pure gli alberi secolari e gli alberi morti (legno morto) e che possiedono delle chiome ben formate fino agli strati inferiori, oltre il quale comincia la foresta.

Il passaggio tra queste strutture, tuttavia, è spesso diffuso e progressivo. Queste strutture possono anche essere sovrapposte l'una all'altra e disposte in modo scaglionato.

Elemento del paesaggio rurale

Nel corso dei secoli, l'uomo ha creato dei confini piuttosto lineari tra il bosco e le superfici adiacenti. La foresta è stata frammentata in forma di bande strette (siepi) oppure conservata sottoforma di piccoli isolotti (boschetti). Assieme alle siepi, ai boschetti e ai boschi golenali, i margini boschivi formano un complesso reticolo di biotopi di grande importanza per la fauna selvatica. Diversi rischi continuano tuttavia a minacciare questo reticolo:

  • l'agricoltura: per l'uso di fertilizzanti e di pesticidi
  • le discariche abusive
  • la costruzione di strade forestali e di sentieri connessi con le bonifiche fondiarie
  • gli interventi di correzione
  • l'abbandono dei coltivi, (i processi di ricolonizzazione da parte della foresta prendono avvio in assenza di una utilizzazione di tipo agricolo. Le strutture presso i margini boschivi vanno così perse.)

La struttura del margine boschivo ha una grande importanza per la stabilità dei popolamenti forestali adiacenti in caso di vento forte. Il flusso dell'aria è influenzato in modo determinante dal profilo verticale e dalla densità della vegetazione presente ai margini boschivi.

Waldrand steil und geschlossen Waldrand offen und gut durchlässig Waldrand sanft ansteigend
Un margine boschivo non scalinato, denso e serrato come una diga. I flussi d'aria di si sollevano a contatto con la copertura forestale e si scontrano con le masse d'aria sovrastanti che non sono frenate, formando così delle violente turbolenze. Il rischio che gli alberi possano sradicarsi o rompersi a causa del vento aumenta nelle retrovie del margine boschivo.

Nel caso di un manto boschivo con struttura permeabile, sono minori le correnti d'aria che si sollevano e che si scontrano con le masse d'aria superiori, riducendo i rischi e l'intensità delle turbolenze. Il flusso d'aria che attraversa il popolamento causa una riduzione dell'umidità e allontana la lettiera al suolo dal margine boschivo, creando condizioni favorevoli per l'insediamento di una vegetazione del suolo caratteristica di ambienti più asciutti. Nel caso di un margine boschivo il cui profilo aumenta in altezza progressivamente la struttura diviene ottimale. Infatti, i flussi d'aria provenienti dal basso vengono incanalati verso l'alto solo lentamente. Le turbolenze sono attenuate e la loro gittata risulta aumentata, il che riduce significativamente il rischio di schianti da vento.

Un habitat ricco di specie

Strangalia maculata (Gefleckter Schmalbock)
La Strangalia maculata, un cerambice che visita volentieri i fiori si trovano nei margini boschivi strutturati e ben soleggiati.
Foto: Doris Hölling (WSL)
 
Waldeidechse
La lucertola vivipara (Zootoca vivipara) predilige i margini boschivi piuttosto soleggiati ed aperti.
Foto: Thomas Reich (WSL)
 
Auenwald mit innerem Waldrand
Bosco golenale con un margine boschivo disposto verso l'interno e composto da strutture diversificate.

Il manto boschivo è generalmente ricco di specie a legno tenero come il pioppo, il salice o il frassino. Vi sono anche specie arboree a legno duro come l'acero campestre, il ciliegio, il noce, il melo selvatico o il tiglio cordato, che hanno bisogno di abbastanza luce per la loro crescita e che al margine boschivo trovano condizioni favorevoli alla loro esistenza.

La diversità delle specie è leggermente superiore nell'orlo erbaceo rispetto alla fascia arbustiva e a quella occupata dal manto boschivo: i suoli asciutti, umidi o bagnati si susseguono entro spazi limitati, ospitando le diverse specie che meglio si adattano a queste condizioni. L'ortica è tipica dei bordi con suoli freschi e ricchi di sostanze nutritive, mentre il mirtillo nero e quello rosso sono comuni nei margini boschivi posti alle altitudini più elevate. Alcune aree devono essere sfalciate regolarmente allo scopo di mantenere il carattere tipico dell'orlo erboso.

Grazie alla sua struttura diversificata, il margine boschivo ospita anche numerosi organismi utili per le foreste e per aree agricole adiacenti. Per la fauna selvatica esso è di vitale importanza sia come habitat, sia come rampa d'involo o di atterraggio per l'avifauna che vive nella campagna circostante. Le api selvatiche, le formiche, le lucertole e i serpenti sono attratti dal calore, privilegiando quindi le scarpate povere di vegetazione e ben esposte all'irraggiamento solare. I buprestidi e i cerambici sono dei coleotteri che nidificano nel legno morto o in decomposizione appartenente a diverse specie di arbusti e di alberi. I pipistrelli utilizzano questo spazio per cacciare mentre molte specie di uccelli nidificano e covano nelle aree situate presso il margine boschivo o utilizzano lo stesso per predare altre specie o per procurarsi il cibo. La selvaggina ungulata vi trova riparo e luoghi appropriati per poter alimentarsi in modo indisturbato.

Il margine boschivo e la legge

I margini boschivi sono protetti dalla legge, il che non significa che essi devono essere abbandonati a se stessi. Al contrario, dei trattamenti mirati sono auspicabili per conservare un margine dinamico e ricco di specie. Lo stato attuale in cui si presenta un margine boschivo prevale in modo fondamentale applicando così un "concetto dinamico della foresta", in modo che si possa tener conto dei cambiamenti nell'uso del suolo. Tuttavia, la delimitazione tra bosco e le zone edificabili è un confine fisso che invece prevale, da un punto di vista legale e della pianificazione del territorio locale. In questo caso, il margine boschivo, da un punto di vista spaziale, è considerato come elemento statico (concetto statico della foresta).

Come viene delimitato il margine boschivo? Le direttive cantonali per l'accertamento della natura forestale sono la base per assicurare un'applicazione omogenea e coerente. Come principio di base, il margine boschivo si situa a due metri al di fuori della linea che passa attraverso il centro di ogni fusto arboreo situato al margine esterno del bosco. Se gli alberi sono stati abbattuti, sono le ceppaie che saranno prese in considerazione per delimitare il margine boschivo. Tra gli arbusti, determinante quale punto di riferimento per tracciare il margine boschivo è il centro delle ceppaie.

Le costruzioni e le istallazioni devono rispettare una distanza minima di dieci metri nel caso di una fustaia e cinque metri nel caso di un bosco ceduo. La distanza minima è valida dal limite del bosco e prevale nei casi in cui i regolamenti edilizi comunali prevedano distanze inferiori.

Nel corso del tempo

Un margine boschivo aperto, luminoso e strutturato nel corso dei decenni si richiude e tende a uniformarsi. Le specie a rapido accrescimento come il frassino e il salice raggiungono velocemente la parte anteriore del margine boschivo ed aduggiano gli arbusti e gli alberi a crescita più lenta.

La diversità delle strutture e delle specie di un margine boschivo possono essere conservati solo se vengono eseguiti trattamenti mirati e ripetuti. I servizi delle foreste responsabili determinano di caso in caso l'intensità, il tipo e la tempistica degli interventi. Essi si orientano in funzione:

  • degli obiettivi del piano di gestione forestale
  • del piano forestale cantonale (livello superiore)
  • dei progetti forestali integrati sulla conservazione del paesaggio (comprese siepi, boschetti, pascoli e aree coltivate)
  • dei progetti forestali
  • del piano di sviluppo locale (piani regolatori)

Le cure destinate a promuovere la diversità delle strutture e delle specie sono inoltre previste dal concetto quadro per la "Protezione della natura nel bosco", in cui viene espressamente richiesto:

  • che tutti i margini strutturati e diversificati adiacenti ai terreni agricoli siano preservati e curati
  • di rinunciare alle rettifiche artificiali dei tracciati dei boschi
  • di rinunciare allo scambio delle superfici nel caso di piccole aree boschive isolate
  • che le strutture dei margini boschivi aperti siano preservate ed incentivate in modo mirato: nelle zone situate al limite superiore delle foreste, nei pressi delle aree palustri e nel caso di aree nuovamente colonizzate dalla foresta
Waldrand vor dem Pflegeeingriff Waldrand nach dem Pflegeeingriff Waldrand 10 Jahre nach dem Pflegeeingriff
Margine boschivo poco strutturato prima degli interventi. Margine boschivo dopo gli intereventi o laddove la rinnovazione è stata mantenuta. Margine boschivo strutturato e ricco di specie forestali, circa 10 anni dopo gli interventi.

Gli interventi di cura dei margini boschivi sono costosi

Gli investimenti nella cura dei margini boschivi non sono redditizi, anche se una parte del legname raccolto può essere venduta. Secondo i dati del servizio delle foreste del Grigioni, la manutenzione di 100 metri di margine boschivo (per una profondità media di circa 30 metri) costa mediamente circa 3000 Franchi. La Confederazione e il Cantone assegnano un sostegno al proprietario, prendendo a loro carico fino al 70 per cento dei costi.

Un esempio concreto: il lavoro svolto dalla comunità per favorire la biodiversità e per fornire energia termica

Per dieci anni la popolazione del villaggio di Trin, in stretta collaborazione con il Servizio Forestale e con l'associazione locale per la tutela del paesaggio e degli alberi da frutto, con le scuole, le associazioni locali e quelle venatorie, ha eseguito degli interventi di manutenzione su oltre 350 are di margine boschivo. Laddove prima degli interventi l'abete rosso e il pioppo tremolo nello strato arboreo e il nocciolo in quello arbustivo aduggiavano le specie ad elevato fabbisogno di luce, ora crescono numerosi alberelli o arbusti spinosi o che producono bacche. I muretti a secco sono stati ripristinati, mentre i mucchi di massi e le rocce affioranti esposte al sole sono stati liberati, lasciando in piedi alberi cavi o secchi con una susseguirsi di aree più o meno aperte su brevi distanze.

I rami e gli arbusti tagliati durante gli interventi nei margini boschivi hanno fornito all'incirca 70 metri cubi di cippato proveniente da una fascia di circa 100 metri di lunghezza e 20 metri di profondità (per 0,2 ha di superficie). Convertita in calore, questa energia termica equivale a quella di 4200 kg di gasolio se proviene dal taglio di abeti e di 5950 kg per quello di faggi.

Stoppzaun vorher Stoppzaun während der Massnahme Stoppzaun nachher
Disposizione della recinzione prima dell'intervento con un confine netto tra il bosco e il pascolo.

Autore dei disegni: Romano Costa
Disposizione della recinzione con tracciato variabile, con un inizio di diversificazione della struttura del margine boschivo. Stato del margine boschivo dopo lo smantellamento della recinzione che ha permesso di ottenere una maggiore diversità strutturale.

Esperienze acquisite dal servizio forestale

  • Degli interventi vigorosi sono necessari per promuovere le specie arbustive e arboree amanti della luce.
  • L'esposizione non gioca nessun ruolo nelle regioni calde e in quelle situate a basse quote.
  • I margini boschivi interni della foresta contribuiscono anch'essi alla diversità strutturale.
  • Una separazione netta tra i margini boschivi e le aree pascolate adiacenti per mezzo di una recinzione spesso è inevitabile. Una delineazione tramite una recinzione con tracciato variabile permette di influenzare positivamente la struttura del margine boschivo (vedi schema).
  • I gruppi d'interesse come scuole, i cacciatori o le organizzazioni per la conservazione della natura o del paesaggio sono ben disponibili a partecipare alla cura dei margini boschivi, interesse che è particolarmente apprezzato da parte del Servizio Forestale.
  • Azioni ripetute a livello d'informazione del pubblico sono necessarie, poiché a volte in alcuni casi accade che dei margini boschivi ricchi di specie e di strutture confinanti con dei prativi o dei pascoli siano impediti o compromessi da interventi di pulizia che si basano inizialmente su buone intenzioni. Questo è ad esempio il caso in cui, per le scarse conoscenze sulla diversità delle specie presenti, gli arbusti situati nel margine boschivo vengono tagliati.

  • Traduzione: Fulvio Giudici, Camorino

Download

Informazioni

  • Romano Costa
    Abenis AG Ingenieure und Planer
    Quaderstr. 7
    7000 Chur
    Tel. +41 81 250 79 00
    E-mail r.costa @ abenis.ch

Altri contributi sul tema in waldwissen.net