Ricerca

    
cerca solo in questa categoria

Ampliare la ricerca

Contatto

Marcus Schaub

Forschungsanstalt WSL

Istituto federale di ricerca WSL
Ecofisiologia
Zürcherstrasse 111
CH - 8903 Birmensdorf

Tel: +41 44 739 25 64
Fax: +41 44 739 22 15

Articolo

Autore/i: Beate Kittl
Redazione: WSL, Svizzera
Commenti: Articolo a 0 commenti
Valutazione: Ai miei Preferiti Anteprima di stampa 46.6746.6746.6746.6746.67 (5)

35’000 bustine di tè per la ricerca forestale

Scienziati provenienti da tutto il mondo hanno sepolto migliaia di bustine di tè per comprendere meglio il processo di degradazione dello strame e il ciclo del carbonio nel bosco. Al progetto collabora anche l’Istituto federale di ricerca WSL. Primo dato emerso: il tasso di degradazione dipende dalla composizione chimica del tè.

Nach 3 Monaten werden die Teebeutel geborgen
Fig. 1 - Markus Didion ha recuperato con cura le bustine di tè sepolte nel terreno dopo 3 mesi per analizzarle in laboratorio
Foto: Flurin Sutter (WSL)

Anche se l’idea sembra bizzarra, si tratta di ricerca ecologica seria: armati di bustine di due qualità di tè normalmente reperibili nei negozi di alimentari, i ricercatori del suolo di tutto il mondo vogliono capire meglio il processo di degradazione dello strame nel bosco. Essendo parte del ciclo del carbonio, la degradazione di materiale vegetale morto è infatti un parametro determinante dal punto di vista del cambiamento climatico: durante la decomposizione operata dagli organismi del suolo, il carbonio legato alla biomassa delle piante viene disperso nuovamente nell’atmosfera sotto forma di gas serra (CO2).

Nel frattempo sono arrivati i primi risultati raccolti presso 336 siti dopo tre mesi: in questa prima fase, in tutti gli habitat il tè verde si è degradato molto più rapidamente rispetto al tè rosso, come riporta il team internazionale di ricercatori in un articolo pubblicato sulla rivista specializzata Science of the Total Environment. Secondo gli autori, ciò dipende da un lato dal fatto che il tè verde contiene più sostanze idrosolubili e che in questa varietà il carbonio è presente con altri legami chimici.

Per contro, nel breve periodo di 3 mesi il clima locale ha giocato solo un ruolo marginale, eccetto nei siti estremamente asciutti o umidi, hanno sottolineato i ricercatori, tra cui anche un gruppo dell’Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio WSL. Essi presumono che il cambiamento climatico possa pregiudicare la composizione varietale delle piante non solo in modo diretto tramite la temperatura e le precipitazioni, ma anche indirettamente tramite i tassi di degradazione specifici delle specie. Per scoprire se il clima locale sarà meno determinante per il processo di degradazione anche a lungo termine, occorrerà attendere la risposta che daranno le bustine di tè dopo 12, 24 e 36 mesi.

Tea party per gli organismi del suolo

È già da diverso tempo che gli ecologi tentano di determinare questo tasso di degradazione con l’aiuto di bustine di strame pesate con precisione. Nel corso di questi esperimenti avevano già scoperto che il processo di degradazione si divide in due stadi: una fase veloce e una fase lenta. Tuttavia, per i loro studi avevano sempre utilizzato lo strame formato dalle più svariate specie vegetali e bustine con maglie di grandezza diversa, rendendo così i dati impossibili da confrontare tra di loro.

In origine l’idea di usare le bustine da tè è venuta ad alcuni ricercatori olandesi, magari proprio davanti a una tazza di tè fumante. Per ottenere dati comparabili sulle differenti regioni, hanno sepolto le bustine di due varietà di tè: il tè verde che si decompone molto rapidamente (perché formato da foglie) e il tè rosso che si decompone invece più lentamente (perché formato da corteccia macinata). L’idea ha fatto rapidamente il giro tra i ricercatori del suolo di tutto il mondo, che nel 2016 hanno lanciato insieme l’iniziativa mondiale TeaComposition.

Presso 570 siti sperimentali sparsi in 6 continenti e 9 biomi, le ricercatrici e i ricercatori hanno sepolto almeno 32 bustine di tè, spesso anche il doppio. Dopo 3, 12, 24 e 36 mesi hanno riportato alla luce 2 bustine di ciascuna varietà e misurato la perdita di massa. «Per la prima volta è stato possibile studiare i processi di degradazione dello strame nel suolo in modo globale e con l’aiuto di un metodo standard», afferma soddisfatto Marcus Schaub, responsabile svizzero della rete europea per la ricerca ecologia a lungo termine (LTER Europe) e capo del gruppo Ecofisiologia in seno al WSL.

   
Lage aller bisherigen 570 Versuchsorte der TeaComposition Initiative  
Fig. 2 - Posizione dei 570 siti sperimentali. Punti viola: dati disponibile; punti vuoti: dati non ancora disponibile. Cliccare per ingrandire. Carta: Djukic/Brendle 2017
 
   

Fattore importante nel ciclo del carbonio

In Svizzera, i ricercatori del WSL hanno sepolto le loro bustine di tè presso otto siti usati per la Ricerca a lungo termine su ecosistemi forestali (LWF): complessivamente 1216 bustine in 8 siti sperimentali, in parte a differenti altitudini. La collega Sonja Wipf del WSL Istituto per lo studio della neve e delle valanghe SLF ha inoltre sepolto altre bustine da tè su sei cime delle Alpi svizzere.

Ora sono tutti ansiosi di sapere cosa riveleranno le bustine di tè dopo uno, due e tre anni trascorsi nel suolo. Markus Didion del gruppo Analisi delle risorse del WSL ha intenzione di calcolare, con l’aiuto di modelli numerici, il contributo della decomposizione dello strame al ciclo del carbonio. Grazie a questo esperimento mondiale standard, confida di precisare i propri modelli. «Per noi l’esperimento delle bustine di tè è geniale, perché ci permette di mettere i nostri dati in una relazione globale.»

     
Versuchsfläche Schänis Pro Quadrat sind 16 Teebeutel vergraben  
Fig. 3 - Nelle vicinanze della stazione meteo LWF «Schänis», Flurin Sutter allestisce il sito sperimentale seguendo un design statistico standard. Le bustine di tè devono essere sepolte a una determinata profondità nel suolo. Cliccare per ingrandire.
Foto: Marcus Schaub (WSL)
Fig. 4 - In ciascun quadrato sono sepolte 16 bustine di tè: dopo 3, 12, 24 e 36 mesi ne verranno riportate alla luce due per ciascuna varietà. Le etichette sbucano in parte dal terreno. Cliccare per ingrandire.
Foto: Flurin Sutter (WSL)
 
     
Teebeutel Nr. 659 liegt in der Humusschicht vergraben Die Bodenfeuchtigkeit wird täglich von Sensoren gemessen  
Fig. 5 - La bustina di tè n. 659 giace in uno strato di humus. Cliccare per ingrandire.
Foto: Flurin Sutter (WSL)
Fig. 6 - Presso il sito dell’LWF «Vordemwald» sono state sotterrate 64 bustine di tè e 2 varietà di tè, il cui contenuto si è degradato, tra le altre cose, in funzione dell’umidità del suolo. L’umidità del suolo viene misurata ogni giorno da sensori. Cliccare per ingrandire.
Foto: Flurin Sutter (WSL)
 
     

Link esterni

Altri contributi sul tema in waldwissen.net