Ricerca

    
cerca solo in questa categoria

Ampliare la ricerca

Contatto

Doris Hölling

Forschungsanstalt WSL

Istituto federale di ricerca WSL
Servizio fitosanitario per il bosco svizzero
Zürcherstrasse 111
CH - 8903 Birmensdorf

Tel: +41 44 739 26 99
Fax: +41 44 739 22 15


Reinhard Lässig

Forschungsanstalt WSL

Istituto federale di ricerca WSL
Comunicazione WSL
Zürcherstrasse 111
CH - 8903 Birmensdorf

Tel: +41 44 739 23 89
Fax: +41 44 739 22 15


Articolo

Autore/i: Doris Hölling, Reinhard Lässig
Redazione: WSL, Svizzera
Commenti: Articolo a 0 commenti
Valutazione: Ai miei Preferiti Anteprima di stampa 57.057.057.057.057.0 (17)

Divulgare il sapere sul bosco

Chi auspica intensificare il trasferimento del sapere e svolge attività di informazione del pubblico in materia di foreste può ricorrere ai consigli e alle idee sviluppate da specialisti forestali e della comunicazione. Questo è quanto è emerso dal primo forum nazionale dedicato allo scambio di conoscenze in campo forestale organizzato nel dicembre 2011 nel centro di formazione forestale di Lyss.

Patenschaft für einen Baum
Fig. 1 - I vecchi alberi sia isolati che in gruppo, sono importanti isole ecologiche che collegano gli habitat tra di loro. In tal modo essi svolgono un ruolo essenziale nella tutela della biodiversità. Il patrinato di singoli alberi è una tradizione che può contribuire a preservarli.
Foto: Ruedi Zuber
 
Biber-Rucksack Olten
Fig. 2 - L'originalità dello zaino Castoro per le attività ambientali e scolastiche in bosco svolte nella regione di Olten è duplice. Da un lato esso può essere utilizzato per escursioni e per lezioni sul bosco, mentre in secondo luogo esso mette a disposizione la bibliografia attuale disponibile presso la biblioteca dei giovani di Olten, basata su suggerimenti personalizzati.
Foto: Doris Hölling (WSL)
 
Aktion Zündholz
Fig. 3 - L'azione IN - FIAMMA (Zündholz) presenta esempi di progetti forestali sostenibili creati in tutte le regioni della Svizzera. Qui per esempio un progetto realizzato in Ticino con il legno di castagno. Un sito internet descrive in dettaglio ciascuno di questi progetti.
Foto: Andreas Bernasconi
 
Insektenpräparat
Fig. 4 - Una serie di campioni d'insetti rappresenta degli oggetti dimostrativi ideali da mostrare durante le escursioni. Essi possono essere usati anche come materiale didattico nell'ambito di mostre o eventi formativi.
Foto: WSL
 
Wissensvermittlung vor Ort
Fig. 5 - Pierre Mollet (Stazione ornitologica di Sempach) spiega i principi alla base della tutela del Gallo cedrone durante un'escursione organizzata dal WSL nella riserva forestale di Amden (SG). Secondo lui determinante è la composizione del pubblico fruitore di queste informazioni.
Foto: Martin Moritzi (WSL)
 
Mezzo didattico per la protezione delle fonti idriche
Fig. 6 - Questo mezzo didattico per la protezione delle fonti idriche è stato sviluppato dal WSL. Sulla base dei dati riguardanti il settore della protezione delle risorse idriche e dei metodi di raccolta del legname adottati, è possibile calcolare i costi supplementari e le perdite connesse con la gestione in condizioni penalizzanti simili (Clicca sull'immagine per ingrandirla).
 
Klimaspiel
Fig. 7 - Il gioco del clima "Come si presenterà la foresta tra 100 anni?". Esso illustra con un approccio didattico un tema attualmente al centro del dibattito pubblico, come quello dei mutamenti climatici e dei cambiamenti delle foreste ad essi connessi.
Foto: Andreas Bernasconi
 

Nuove conoscenze sono disponibili quasi ogni giorno nel settore delle foreste e nel campo dell'ecologia, del funzionamento e delle utilizzazioni forestali. Gran parte di queste informazioni sono poi divulgate regolarmente dai professionisti forestali, dai formatori attivi nel settore forestale e ambientale, dai ricercatori e da altri professionisti. Essi portano queste conoscenze laddove esse sono utili, nell'ambito di escursioni ed esposizioni, di corsi di formazione continua e di seminari e settimane forestali, nonché durante le attività di consulenza e di iniziative che coinvolgono i media. Il trasferimento delle conoscenze non è un'attività che si muove in un'unica direzione, ma spesso genera nuove occasioni di dialogo. Il successo delle numerose attività organizzate nel 2011 nel quadro dell'Anno Internazionale delle Foreste ha confermato che il tema delle foreste interessa ampie cerchie della popolazione e che è utile fornire maggiori conoscenze specifiche per le esigenze dell'economia forestale e per meglio sensibilizzare il pubblico sull'importanza del bosco in generale.

Anche la rete di competenze "Trasferimento di conoscenze forestali in Svizzera" (vedi riquadro), intende intensificare il trasferimento di conoscenze riguardanti il bosco. Ma chi è che possiede il sapere - possibilmente attuale - sui diversi temi connessi con le foreste? Dove e come questi esperti divulgatori trasmettono le loro conoscenze? Questi erano gli interrogativi che hanno lanciato le discussioni durante il primo forum nazionale dedicato allo scambio di conoscenze in campo forestale organizzato nel dicembre 2011 nel centro di formazione forestale di Lyss (BE). Oltre a presentare molti esempi di successo di trasferimenti di conoscenze e di attività d'informazione dell'opinione pubblica, questa occasione ha offerto ai partecipanti la possibilità di discutere i loro bisogni e i loro interessi.

Scambio di conoscenze e comunicazione

Durante l'Anno Internazionale delle Foreste, la fantasia e la capacità di comunicare sono state le armi vincenti per numerose attività ed eventi organizzati un po’ in tutto il Paese e che hanno permesso una efficace divulgazione delle conoscenza riguardanti il bosco ad ampie fasce di popolazione. Secondo Ralf Laux del Servizio Forestale della Renania-Palatinato, se vogliamo che abbiano successo le azioni di informazione del pubblico dovrebbero essere organizzate su basi professionali, partendo dalla concezione delle attività, fino alla valutazione finale dell'efficacia. Sulla base di oltre 650 eventi organizzati in questo Länder durante l'anno delle foreste, egli trae una conclusione importante per il lavoro di pubbliche relazioni: "Abbiamo bisogno di pensare più in termini di effetti e di impatto che in termini di azioni". Secondo lui, chi vuole sensibilizzare l'opinione pubblica sul tema della foresta deve andare lui dove il pubblico si trova. In base alla sua esperienza, ciò che funziona meglio è un linguaggio semplice e diretto, delle immagini accattivanti e l'uso di ausili e supporti mediatici parlati.

Il lavoro quotidiano di giornalista permette a Karl Lüönd, professionista della comunicazione, di identificare le esigenze di ampi segmenti della popolazione in materia di conoscenze. "Il pubblico ama il bosco, i suoi alberi, i suoi funghi e i suoi animali, anche se la gente sa poco su di essi", ha asserito Lüönd, affermando che "la foresta rappresenta un forte valore emotivo e un notevole valore informativo". Come giornalista e redattore della rivista Natur & Jagd, la prima domanda da porsi su un nuovo tema è: che cosa c'è di nuovo? e se è attuale? Come mi devo rappresentare queste informazioni in termine di immagini? Chi risponde a queste domande in modo pertinente riesce a ricreare nel proprio pubblico fruitore "delle immagini che i media non possono non notare" racconta Lüönd - ottenendo in tal modo un successo nel proprio lavoro di informazione destinato al largo pubblico.

Melanie Oriet, del centro di formazione forestale di Lyss, è convinta che il trasferimento di conoscenze all'interno dell'economia forestale funziona in modo molto simile. La sua attività precedente presso il servizio forestale cantonale del Giura le ha insegnato che le conoscenze da sole non sono sufficienti per permettere ad altri operatori forestali di applicarle direttamente durante la propria attività quotidiana. Questo dipende dal modo e dal linguaggio attraverso il quale le informazioni vengono trasmesse e dal fatto, se vi è qualcuno interessato ad esse. E' solo quando tutti questi parametri sono soddisfatti che il trasferimento di conoscenze risulta essere efficace e che si realizza attraverso azioni concrete.

Sostegno agli operatori della pratica

La rete di competenze "Trasferimento di conoscenze forestali in Svizzera" (vedi riquadro), ha organizzato questo forum anche per dare esempi della diversità nelle modalità di trasmissione del sapere. L'idea era di presentare diverse possibilità di trasferimento delle conoscenze che fossero efficaci, innovative e di successo. Al centro di questo forum vi erano più i metodi di comunicazione delle conoscenze e lo scambio di conoscenze mirate al sostegno degli operatori della pratica forestale e dei proprietari boschivi, che non tanto l'informazione tematica in sé.

Numerose presentazioni hanno mostrato come le conoscenze ad uso pratico sono state divulgate nel campo della pianificazione forestale. Il portale internet www.planfor.ch pubblica ad esempio le conoscenze in materia più attuali, così come pure presentazioni e pubblicazioni che possono essere scaricate. Il portale fornisce poi indicazioni sui professionisti, le aziende e le istituzioni che possiedono specifiche competenze nel campo della pianificazione forestale. Inoltre, questo portale auspica facilitare lo scambio di esperienze tra gli specialisti e serve anche da base informativa per i non addetti ai lavori. Vi sono altri portali simili, quali www.forstverein.ch, www.wvs.ch, www.codoc.ch e www.wald.ch, così come i siti dei sei partner che compongono la rete di competenze.

La società Forstkoordination GmbH aiuta i comuni a coordinare tutte le fasi connesse con la gestione delle foreste. L'obiettivo perseguito di questo servizio è principalmente quello di ridurre i costi della gestione e di migliorare la redditività delle foreste comunali, promuovendone, nel contempo, la stabilità e la qualità. La società opera nei settori della gestione forestale, della protezione della natura e delle pubbliche relazioni, mentre le funzioni istituzionali e giuridiche restano di competenza dei servizi forestali.

Su mandato dell'Ufficio federale delle strade (USTRA), Impuls AG ha sviluppato un metodo basato su GIS per valutare le situazioni di pericolo e di rischio causato da alberi lungo le reti stradali. Una pianificazione pluriennale dei tagli di messa in sicurezza lungo le strade permette di determinare l'urgenza degli interventi e di stimare i relativi costi per l'anno successivo. Questo metodo è adatto anche per trattare questioni di sicurezza all'interno delle foreste, così come pure per altri tipi di infrastrutture come ad esempio la rete ferroviaria.

I progetti sviluppati nell'ambito di collaborazioni attraverso l'intero arco alpino sono anch'essi stati discussi. I colleghi francesi, italiani e vallesani sono confrontati con le medesime problematiche connesse con i boschi di montagna. Gli studi scientifici, gli sviluppi metodologici e lo scambio transfrontaliero di informazioni nel quadro dei programmi di cooperazione transfrontaliera attraverso le Alpi possono migliorare le conoscenze, le competenze e l'efficienza di tutti i fruitori.

Dalla ricerca alla pratica

Golo Stadelmann dell'ETH di Zurigo ha sviluppato un programma che modellizza le infestazioni dello scolitide tipografo in Svizzera basandosi sui dati del servizio di protezione delle foreste insediato presso l'istituto WSL. Questo lavoro scientifico dovrebbe contribuire allo sviluppo di uno strumento internet ad uso degli operatori della pratica, che permetterà di produrre diversi scenari di evoluzione delle popolazioni di scolitidi per l'anno in corso.

Ricercatori del WSL hanno poi presentato un nuovo strumento per gestire le tematiche legate alla protezione delle risorse di acqua potabile. Questo programma Excel consente ai professionisti di calcolare i costi supplementari e le perdite subite durante un intervento eseguito in una determinata zona di protezione delle acque sotterranee. Questi risultati possono servire quale base di negoziazione per concordare eventuali compensi finanziari tra i proprietari di boschi e le aziende che erogano l'acqua potabile.

Le scienze si divertono

I patrinati di alberi come quello ideato nella regione grigionese della Surselva sono un'altra possibilità di divulgazione delle conoscenze. Lassù ognuno può assumersi responsabilità nel campo delle foreste e della protezione della natura. Grazie ad un accordo tra il proprietario dell'albero e la REGIUN SURSELVA l'albero sponsorizzato sarà preservato fino alla sua morte naturale. I benefici della sponsorizzazione sono utilizzati per finanziare progetti nella regione.

E' peraltro pure possibile divertirsi sul computer indossando virtualmente i vestiti di un forestale incaricato della gestione dei boschi, che per una determinata area deve scegliere gli alberi da piantare più idonei rispetto alle condizioni climatiche. Il risultato di questo gioco del clima, sviluppato presso l'Istituto di ricerca sulla silvicoltura e l'economia forestale LWF (Freising bei München), indica al giocatore se ha preso tutte le misure necessarie per garantire che i suoi popolamenti boschivi resisteranno al riscaldamento del clima previsto.

Questo contributo è stato realizzato in collaborazione con la rivista Wald und Holz. Wald und Holz

Il sapere forestale delle istituzioni svizzere

Nel contesto dell'azione "Trasferimento efficace di conoscenze nel settore forestale" sostenuta dall'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM), il portale internet inforesta.net/waldwissen.net promuove anch'esso il trasferimento di conoscenze presenti a livello regionale.

Dal 2009, gli specialisti di entrambi i centri di formazione forestale di Lyss (BE) e Maienfeld (GR), della Scuola Universitaria Professionale Superiore di scienze agronomiche, forestali e alimentari di Zollikofen (BE), dell'ETH di Zurigo e del WSL Birmensdorf collaborano all'interno della rete UFAM "Trasferimento efficace di conoscenze nel settore forestale". L'Economia forestale Svizzera ha aderito a questa iniziativa nel 2012. Questa rete incoraggia tutti gli autori di articoli divulgativi destinati alla pratica ad offrire ai redattori del WSL la messa a disposizione dei contenuti sul portale waldwissen.net.


  • Traduzione: Fulvio Giudici (S.Antonino)

Download

Link esterni

Altri contributi sul tema in waldwissen.net